Sport vuol dire Fair Play. Uno stile e una filosofia da adottare per promuovere esempi virtuosi e positivi che siano, soprattutto per i Giovani, un modello da veicolare come guida per una Società migliore. Con queste caratteristiche nasceva nel 1996, da un’idea di Gianfranco Fasan  Federico Aloisi, il Premio Gentleman, che veniva assegnato per la prima volta ad un giocatore del Milan e dell’Inter che maggiormente si eran distinti per Fair Play, correttezza e professionalità in campo e fuori.

Da allora il Premio Gentleman, con il Patrocinio di tutte le massime Istituzioni sportive, è diventato il più famoso Red Carpet del calcio che coinvolge tutto il football professionistico nazionale e ha visto sfilare sul palco delle premiazioni i nomi più importanti del calcio italiano ed internazionale.

Da Del Piero a Pirlo, da Ronaldo a Figo, da Zanetti a Maldini, da Buffon a Kakà. Campioni che costituiscono un patrimonio straordinario per il Calcio e per lo Sport e hanno dato forte testimonianza al significato di correttezza, responsabilità, rispetto e Fair Play.

Da quel lontano 1996 sono trascorsi oltre vent’anni, una ricorrenza che è stata celebrata nel maggio 2015 con la pubblicazione del Libro a tiratura limitata “Gentleman 20” che ha ripercorso anche 20 anni di calcio italiano con la firma di alcuni dei più prestigiosi giornalisti sportivi.

Dal 2014 a Javier Zanetti, oltre a ricevere il primo Gentleman di Platino, è stata conferita la Presidenza Onoraria del Premio Gentleman, avendolo vinto 14 volte nelle diverse categorie.

Il Gala Gentleman è anche un momento di riflessione sociale, un Evento di solidarietà che ha permesso in questi anni di raccogliere fondi da destinare a diverse Associazioni a sostegno di numerosi programmi umanitari tra cui Fondazione Milan, Fondazione Pupi, In Campo con il Cuore.